Si chiama FooDo l’app vincitrice del “The 100+1st project”, la Entrepreneurial Challenge organizzata da BCC Pordenonese e Monsile e dal Campus Treviso dell’Università Ca’ Foscari.

Hanno partecipato 32 giovani studenti di 13 nazionalità diverse e divisi in 7 team, che negli scorsi mesi hanno dato vita a 7 progetti innovativi per l’avvio di start up. L’evento finale è stato trasmesso in diretta online.

A valutare i progetti è stata una giuria presieduta da Roberto Santolamazza, Direttore Generale di T2i – trasferimento tecnologico e innovazione (società consortile per l’innovazione del sistema camerale veneto delle Camere di Commercio di Treviso – Belluno, Verona e Venezia Rovigo) e composta dai Giancarlo Corò e Guido Massimiliano Mantovani per Ca’ Foscari, da Gianfranco Pilosio, Direttore Generale di BCC Pordenonese e Monsile, e da Enrico Duranti, Direttore Generale Iccrea BancaImpresa in rappresentanza del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea. 

FooDo, l’app vincitrice

FooDo è un’app gratuita che offre un servizio di intermediazione grazie al quale i ristoratori possono effettuare gli ordini in modo più semplice ed efficiente. L’app è stata progettata da Five4Finance, il team composto dagli studenti Ottavia Chinello, Marina Danieli, Marcello Marchetti, Giovanni Michelon, Andrea Michieletto.

Il team Five4Finance che ha vinto con l'app FooDo.
Il team vincitore Five4Finance.

Il progetto FooDo potrà contare su un finanziamento fino a 25 mila euro erogato da BCC Pordenonese e Monsile, che ha voluto dare un supporto concreto all’avvio di un’attività d’impresa che coinvolge giovani preparati e desiderosi di mettersi alla prova sfruttando le conoscenze acquisite nel periodo universitario dando vita a progetti innovativi e che mirano allo sviluppo delle realtà territoriali coinvolte.

“Siamo davvero felici di questo contest innovativo – ha spiegato Moreno Favaretto vice direttore generale di BCC Pordenonese e Monsile – che, nonostante il lockdown, ha consentito agli studenti di Ca’ Foscari di mettersi alla prova su progetti concreti e innovativi. La missione di una banca cooperativa è non solo quella di supporto alle aziende e alle famiglie ma anche quella di sostenere le nuove iniziative imprenditoriali e le proposte dei giovani”.