1° Quaderno 2005

Questo primo numero dei “Quaderni” , realizzato in collaborazione con Federcasse, è dedicato al tema della microfinanza e, specificamente, al tema del credito come possibile strumento idoneo a creare il benessere diffuso della collettività; con un termine ad effetto, a creare “felicità” in quanto armonia e pacifica convivenza sociale.

Riassume i contenuti del dibattito che si è tenuto il 4 marzo 2005 a Bologna, presso la sede del Teatro Comunale, nel corso del Convegno “Finanza per la felicità. La lezione del microcredito” organizzato da Federcasse, Cassa Padana, Emilbanca e dalla stessa Fondazione Tertio Millennio, convegno al quale hanno partecipato autorevoli economisti ed esponenti della cooperazione di credito e del mondo accademico e istituzionale.

Ne è scaturito un documento che riassume il senso più profondo circa l'utilizzo della “leva” del credito per favorire l'inclusione sociale, correggendo di fatto l'idea “dominante” del microcredito come strumento riservato a situazioni di grave disagio economico e sociale dei soli Paesi in via di sviluppo. In questo senso, il Credito Cooperativo non può rilevare come l'utilizzo del credito abbia una fortissima valenza etica, come testimoniano le molteplici citazioni che Documenti ufficiali della Chiesa Cattolica – all'interno della sua Dottrina Sociale – gli riservano. Una connotazione che ne caratterizza l'essenza più profonda ed è in grado di illuminare l'azione di coloro che lo devono mettere in pratica. 
                    

Finanze per la felicità

Clicca qui per scaricare il quaderno

 
Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra