Per l'ambiente

La banca dell'energia pulitaL’attenzione globale è puntata, ora più che mai, alla domanda crescente di energia, che ha messo in luce il problema della diffusione nell’atmosfera di gas inquinanti prodotti da combustibili fossili quali petrolio, carbone e metano. Secondo i risultati delle ricerche, per evitare il collasso ecologico ed economico del nostro pianeta dovremo ridurre del 60% le emissioni di gas ad effetto serra entro il 2050. Una sfida di dimensioni globali contro l’inquinamento atmosferico che vede il Credito Cooperativo impegnato in prima linea.

In coerenza con il dettato statutario che impegna ogni BCC a promuovere “la crescita responsabile e sostenibile del territorio nel quale opera” (art. 2), sono infatti numerose le iniziative già avviate a favore del risparmio energetico, della diffusione di energie rinnovabili, della salvaguardia ambientale.

Proprio cogliendo la particolare sensibilità e le sollecitazioni provenienti da diverse realtà territoriali, Federcasse, la Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo, ha messo a punto il marchio-ombrello "BCC-La banca dell’energia pulita", denominatore comune del filone di iniziative rivolte al tema della sostenibilità.

Il Credito Cooperativo, mettendosi al servizio della salvaguardia del patrimonio ambientale della comunità attraverso forme di credito che incentivano le buone pratiche di privati e imprese, ancora una volta può dare un forte ed incisivo impulso ad un tema così attuale come quello della diffusione delle fonti energetiche rinnovabili.

Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra