Buone Pratiche delle BCC-CR

Da oltre 130 anni la storia delle Banche di Credito Cooperativo è una storia di presenza nel sostegno alla famiglia e al tessuto sociale e produttivo locale, nell’innovazione e nell’imprenditoria giovanile del nostro Paese. Una storia che è fatta di tante storie che si traducono in centinaia di iniziative diffuse sull’intero territorio nazionale. Che contribuiscono ogni giorno a connotare la “differenza” dell’azione delle BCC-CR, in quanto banche di comunità. E che concorrono alla ri-presa economica, nonché alla tenuta del sistema democratico e partecipativo del Paese.
Negli ultimi anni sono oltre 780 le iniziative delle BCC, rilevate dal Database delle Buone pratiche del Credito Cooperativo, a favore dei territori. I principali destinatari delle iniziative sociali intraprese dalle BCC sono: il 59% comunità locali, il 31% imprese, il 10% famiglie.

 bcccr1jpg

 

I principali ambiti tematici sono: Sviluppo economico e coesione sociale (57%), Istruzione e ricerca (13%), Cultura sport e ricreazione (9%). E anche Sanità (8%), Assistenza sociale e protezione civile (7%), Ambiente (5%) e altro. Le categorie sociali destinatarie delle iniziative sono: i Giovani (72% ) e anche i Disoccupati o lavoratori in Cig/Cigs/Cig in deroga (13%). In particolare, le iniziative sono finalizzate a precisi ambiti d’intervento: Plafond PMI in genere (33%), Donazioni (19%), Plafond per famiglie (11%), Formazione e lavoro (8%) ed Educazione Finanziaria (7%).

 bcccr2

I Partner delle iniziative sono Enti Locali (25%), Non Profit/Associazionismo/Volontariato (22%), Associazioni di Categoria (22%), Università o Istituti scolastici (10%), Enti religiosi (7%) e Confidi (6%).
 
bcccr3
 
 
a cura di Norma Zito
 
Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra