Mutualità e Territorio

Le BCC sono banche caratterizzate da una formula imprenditoriale specifica, un codice genetico costituito da tre molecole fortemente interrelate: quella della cooperazione, quella della mutualità, quella del localismo.

Che si traducono in:

  • impresa a proprietà diffusa
  • orientamento alla sostenibilità
  • legame totale e permanente con il territorio

Per la loro peculiarità, in oltre 130 anni di storia, le BCC si sono rese protagoniste e propulsori di numerose iniziative, che hanno origine e finalità nella “scelta di costruire il bene comune”, espressa nell’articolo 2 dello Statuto tipo.

L’impegno delle BCC è infatti, da sempre, quello di tradurre l’obiettivo del perseguimento di un interesse reciproco in esperienze concrete. In questa ottica vanno lette le tante esperienze realizzate e dirette a sostenere i diversi soggetti - soci, clienti, imprese, famiglie, associazioni, ecc. - che vivono e operano nel territorio di riferimento delle BCC. Come anche in territori lontani. Perché la reciprocità è un metodo che funziona a tutte le latitudini.

 

Il Bilancio Sociale e di Missione del Credito Cooperativo

Il Bilancio Sociale e di Missione del Credito Cooperativo vuole essere un racconto e un rendiconto di queste esperienze. Mettendo a fuoco chi sono le BCC, cosahanno realizzato e i risultati che hanno raggiunto. Ma anche uno strumento per misurare e verificare gli effetti che questo agire mutualistico ha nei territori e nelle comunità locali in cui operano le BCC. Il Bilancio Sociale e di Missione è quindi lo strumento di gestione, e di miglioramento, della dimensione mutualistica delle BCC. Non uno specchio, ma uno stimolo ad essere buona banca, buona cooperativa, buona rete.

Bilancio Sociale e di Missione - 2002 Bilancio Sociale e di Missione - 2003 Bilancio Sociale e di Missione - 2006 Bilancio Sociale e di Missione - 2006 Bilancio Sociale e di Missione - 2008

 

Il Bilancio di Coerenza del Credito Cooperativo

Il Bilancio di Coerenza 2015 del Credito Cooperativo rappresenta l’impronta positiva e a più dimensioni lasciata da un movimento di banche controcorrente come le BCC. Per questo è stato chiamato L’impronta del Credito Cooperativo del 2015. Un modo inedito di rappresentare come le Banche di Credito Cooperativo da 132 anni tessano società e facciano economia. Il Bilancio di Coerenza del Credito Cooperativo segue l’esperienza del Bilancio Sociale e di Missione e precede l’entrata a regime della Metrica Mutualistica, che dal prossimo anno arricchirà il set di indicatori e informazioni con i quali “fare i conti delle BCC”.

» Scarica il documento

L'impronta del Credito Cooperativo

Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra