Regolamento della Biblioteca del Credito Cooperativo "Franco Caleffi"

 

Art.1 - Costituzione, sede, denominazione
È istituita una biblioteca denominata Biblioteca del Credito Cooperativo “Franco Caleffi”, con sede in Roma, Via Lucrezia Romana 41, gestita dalla Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo - Casse Rurali e Artigiane.

Art.2 – Finalità
La Biblioteca del Credito Cooperativo intende favorire lo studio e la ricerca nel campo delle discipline del Credito Cooperativo: ha quindi lo scopo di acquisire, conservare e mettere a disposizione dell’utenza la più ampia produzione scientifica e documentale relativa alla Cooperazione di Credito.

Art.3 – Compiti
La Biblioteca persegue le finalità di cui al precedente articolo attraverso:

a) la costituzione, l’arricchimento e la conservazione delle proprie raccolte librarie, documentarie, audiovisive e multimediali svolgendo attività di ricerca, raccolta, trattamento, divulgazione dei documenti attinenti alla storia del Credito Cooperativo;
b) offrendo qualificati ed efficienti servizi di pubblica lettura in sede o in prestito con l’accesso ai nuovi mezzi di trasmissione del sapere e dell’informazione; assicurando un servizio di consulenza e guida all’informazione; ampliando il raggio di assistenza e diffusione della documentazione attraverso un’assistenza qualificata e personalizzata.
Le attività di orientamento, assistenza e consulenza bibliografica agli utenti sono effettuate presso la sede della Biblioteca, previo appuntamento concordato con il responsabile.

Art. 4. - Servizi
La Biblioteca del Credito Cooperativo predispone tutte le azioni e le procedure necessarie per offrire ai propri utenti i seguenti servizi:

  • consultazione in sede dei documenti posseduti;
  • consulenza bibliografica e reference;
  • prestito interno, esterno e interbibliotecario;
  • fotoriproduzione.

Consultazione
Possono essere consultati in sede i libri, le riviste e tutte le pubblicazioni possedute dalla Biblioteca. La consultazione avviene presso la Sala Biblioteca durante l’orario di apertura, previo appuntamento concordato con il responsabile.

Consulenza bibliografica e reference
La Biblioteca assicura, attraverso il proprio personale, un servizio di prima consulenza con il compito di orientare l’utente e consentirgli di ricevere supporto per una conoscenza approfondita del catalogo.
Tipologie utenti: tutti
È possibile ottenere un servizio di reference digitale, inviando un messaggio di posta elettronica all’apposito indirizzo presente sul sito della Biblioteca. Il bibliotecario risponderà al messaggio di posta elettronica e fornirà le informazioni necessarie, oltre a un primo orientamento bibliografico.
Tipologie di utenti: utenti interni
Orario di accesso al servizio: il servizio è attivo durante l’orario di apertura della Biblioteca.

Prestito interno, esterno e interbibliotecario e fornitura di documenti
Il servizio consiste nel recupero e nella fornitura di documenti originali o di documenti in copia, analogica o digitale, non presenti nella Biblioteca consentendo all’utenza di richiedere il prestito di documenti e di libri. Agisce in stretto rapporto con i servizi di reference (consulenza bibliografica) e di distribuzione.
Esclusione dal prestito: attraverso il catalogo è possibile identificare le tipologie di materiale per le quali è consentito il prestito. Non possono essere concesse in prestito le pubblicazioni periodiche, le tesi di laurea e tutti i documenti che riportano sulla scheda catalografica l’indicazione “escluso dal prestito”.
Modalità di accesso al servizio: i servizi di prestito e di fornitura documenti sono garantiti dalla Biblioteca. Le richieste di prestito interbibliotecario e fornitura di documenti vanno indirizzate alla Biblioteca.
Possono essere inoltrate tramite:

Tipologie di utenti: utenti istituzionali e utenti esterni.
Tempi di fornitura e durata del prestito: la durata del prestito e il numero di documenti che possono essere presi in prestito varia in funzione delle specifiche caratteristiche di ciascuna collezione e della tipologia di utente. Il prestito è limitato a due volumi alla volta. Fanno eccezione le opere antiche e di pregio e i fondi speciali, per i quali è necessaria una specifica autorizzazione da parte del referente o del responsabile della struttura.
Modalità di accesso: dopo aver recuperato il documento attraverso i riferimenti bibliografici tramite richiesta al responsabile, per la registrazione del prestito gli utenti devono esibire il modulo di iscrizione alla Biblioteca.
Prestito postale: nel caso dei residenti fuori Roma, le richieste dei testi possono essere fatte per lettera via fax o e-mail.
Scadenza: la durata del prestito è di quindici giorni. Nel caso in cui alla scadenza l’utente non abbia provveduto alla restituzione dei volumi, senza averne chiesto la proroga (non superiore, in ogni caso, a quindici giorni), la Biblioteca, in rapporto alle esigenze di circolazione dei libri, provvederà a inviare un sollecito per il rientro del materiale. Le spese per gli eventuali solleciti per la riconsegna dei volumi presi in prestito saranno addebitate all’utente.
Orario di accesso al servizio: il servizio è attivo durante l’orario di apertura della Biblioteca.

Fotoriproduzione
La Biblioteca mette a disposizione un servizio di fotoriproduzione dei documenti
Modalità di accesso: tutte le procedure sono affidate alla gestione del responsabile dell’assistenza agli utenti.
Tipologie di utenti: tutte.
Orario di accesso al servizio: secondo l’orario della struttura.
Restrizioni: i materiali della Biblioteca possono essere riprodotti, con modalità ed in misura conforme alle norme vigenti in materia di diritto d’autore.

Avvertenze

  • Si consigliano gli utenti di fuori Roma che desiderino venire in Biblioteca di informarsi telefonicamente degli eventuali cambiamenti di orario.
  • L’ammissione nei locali della Biblioteca è subordinata al rispetto delle regole di convivenza imposte dalla frequenza di un luogo di studio.
  • È vietato, salvo che negli appositi locali resi eventualmente disponibili dal Centro: parlare e studiare ad alta voce; fumare; introdurre cibi e bevande; utilizzare apparecchiature rumorose (per esempio telefoni cellulari).
  • È altresì vietato: arrecare disturbo in qualsiasi modo agli altri utenti; danneggiare i libri e apporvi segni o annotazioni; occultare i libri o trattenerli per più giorni senza autorizzazione.
  • La Biblioteca non è responsabile degli oggetti o beni personali introdotti dagli utenti nei suoi locali o depositati negli appositi contenitori.
Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra