26/09/2012
Credito Cooperativo. Progetto “Microfinanza Campesina in Ecuador”. Firmato a Quito il nuovo accordo Federcasse -Codesarrollo
 E’ stato firmato a Quito (Ecuador) il nuovo accordo tra Federcasse (l’Associazione delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali italiane) e Codesarrollo (la banca di secondo livello del sistema delle oltre 800 piccole banche di villaggio) finalizzato a sostenere il processo di sviluppo dell’economia solidale e delle finanze popolari nel paese sudamericano, a dieci anni dalla precedente intesa con la quale si avviò il progetto “Microfinanza Campesina”.
 
          L’intesa è stata sottoscritta dal Presidente di Federcasse, Alessandro Azzi (a capo di una delegazione di cui fanno parte anche il Presidente di Iccrea Banca Francesco Carri, soci, dirigenti e collaboratori di molte BCC italiane) e dal Presidente di Codesarrollo, Bepi Tonello, alla presenza del Ministro dell’Economia solidale e dell’Ambasciatore d’Italia in Ecuador, Gianni Piccato.
 
          Occasione della firma, il convegno organizzato nella capitale ecuadoriana per celebrare il decennale del Progetto (la prima intesa in tal senso fu difatti firmata nell’ottobre del 2002).  Un momento di verifica puntuale dei risultati raggiunti e di conferma di un impegno che, in dieci anni, ha contribuito in maniera sostanziale allo sviluppo del Paese (il tema delle finanze popolari e delle banche di comunità è stato anche inserito, nel 2008,  nella nuova Costituzione promossa dal Presidente della Repubblica Rafael Correa).
 
         In dieci anni, oltre 200 Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali hanno messo a disposizione di Codesarrollo (per piccoli prestiti erogati dalle banche locali cooperative alle proprie comunità) oltre 40 milioni di dollari. Si tratta di finanziamenti erogati da Iccrea Banca e dalle BCC al tasso del 4 per cento, senza garanzie reali, assumendosi il “rischio di cambio” ed il “rischio Paese”, puntualmente restituiti a scadenza.
 
         L’intento è quello di promuovere - attraverso la microfinanza – la cooperazione di credito ed i valori che ne sono alla base: il primato della persona, l’auto-aiuto, la democrazia economica e – più in generale -   il dialogo e lo scambio reciproco tra comunità all’interno del Paese e tra Paesi del Nord e del Sud del mondo.
 
         Temi particolarmente attuali in questa delicata fase di crisi economico finanziaria dove sono messi in discussione i tradizionali modelli dell’economia di mercato e della finanza speculativa. Nel solco, peraltro, delle sollecitazioni promosse dalla Enciclica “Caritas in Veritate” di Papa Benedetto XVI laddove si parla della cooperazione di credito come valido antidoto alle deformazioni del mercato nonché espressione di “amore intelligente”.
      
         In particolare, attraverso questa intesa, Federcasse si impegna a continuare a diffonderne i contenuti all’interno del sistema del Credito Cooperativo  per indirizzare a Codesarrollo risorse a titolo di finanziamento, di donazione per sostenerne la capitalizzazione, di trasferimento di know how tecnico; fornire a Codesarrollo, anche attraverso i Comitati di Analisi e di Garanzia istituiti all’interno del Credito Cooperativo indicazioni, suggerimenti e assistenza tecnica; promuovere il progetto Microfinanza Campesina come modello di cooperazione internazionale allo sviluppo ed esperienza di successo nell’ambito della finanza popolare; facilitare la realizzazione di stage formativi del personale di Codesarrollo presso le  BCC e i diversi soggetti del sistema del Credito Cooperativo.
 
         Dal canto suo, Codesarrollo si impegna a presentare periodicamente i dati di bilancio e tutte le informazioni necessarie ad una corretta conoscenza della situazione patrimoniale – economico -finanziaria del proprio sistema; proseguire nel processo di crescita sostenibile favorendo la progressiva indipendenza dal supporto finanziario del Credito Cooperativo italiano nella logica dell’autentica cooperazione che significa “abilitazione” e “capacitazione” dei soggetti; confrontarsi con il Credito Cooperativo italiano sul piano e sulle iniziative di impatto strategico; concordare criteri e modalità per garantire nel tempo la stabilità e la fecondità del rapporto con il Credito Cooperativo italiano; favorire la realizzazione di stage formativi del personale del Credito Cooperativo italiano presso Codesarrollo e le strutture collegate.
         A margine dell’accordo, è stato anche sottoscritto un nuovo pool di finanziamenti delle BCC aderenti alla Federazione Puglia e Basilicata, per 880 mila euro e destinati in particolare ad investimenti di famiglie e imprese campesine nell’ambito dell’efficienza energetica e della diffusione di energie alternative.
 
        Nel corso della missione a Quito, la delegazione italiana ha anche incontrato il Presidente della Camera di Commercio Italia – Ecuador Giovanni Angioletti, al fine di valutare la possibilità di supportare e promuovere le esportazioni di imprese italiane nel Paese andino.
 
         In dieci anni, il progetto “Microfinanza Campesina” è diventato un caso di scuola a livello internazionale. Rappresentando oggi uno dei progetti più importanti di cooperazione allo sviluppo in chiave mutualistica e partecipata, attivato e sostenuto con fondi esclusivamente privati.
 
Riconoscimenti al  Progetto “Microfinanza Campesina
  •  Vincitore del Sodalitas Social Award nel 2003 per la sezione “finanza eticamente orientata”;
  • Menzione speciale tra i dieci migliori progetti di sviluppo del “World Business Awards in support of the Millennium Development Goals” (ICC – ONU) 2004;
  • Vincitore del Premio Takunda (Cesvi) 2004;
  • Il Presidente di Codesarrollo, Bepi Tonello è stato insignito del Premio Ambiente delle Nazioni Unite (Pechino, 2002) e del Premio Internazionale di Responsabilità sociale (Bilbao, 2003).
 
  Quito/Roma, 26 settembre 2012
Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra