08/01/2015 Comunicati stampa
Credito Cooperativo: "Superare la fase di stallo nel confronto sindacale"

Oggi a Roma incontro interlocutorio con le Organizzazioni sindacali

 Federcasse (l’Associazione nazionale di rappresentanza delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali) ha incontrato oggi le segreterie nazionali delle Organizzazioni sindacali di categoria per illustrare e confermare le ragioni della disapplicazione dei contratti integrativi di lavoro (a decorrere dal 1° febbraio 2015) nell’ambito del già comunicato percorso complessivo di riordino della contrattazione collettiva del Credito Cooperativo.
Nel corso dell’incontro, a conferma della volontà di procedere ad una graduale riforma delle regole collettive di lavoro della categoria, Federcasse ha sollecitato i sindacati a concordare da subito un calendario serrato di incontri. Le Organizzazioni sindacali si sono dichiarate, allo stato, indisponibili.

Per Federcasse, l’urgente e non più rinviabile riforma contrattuale appare indispensabile per far fronte agli impatti che il quadro economico di generale instabilità, attuale e prospettica, determina sull’intera industria bancaria, con l’obiettivo di rafforzare il Sistema delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali e, soprattutto, contribuire alla sostenibilità dei livelli occupazionali.
“Federcasse auspica il superamento dell’attuale fase di stallo” ha detto il Vice Presidente vicario di Federcasse e Presidente della delegazione negoziale Augusto dell’Erba. “In questo momento, come mai prima – ha aggiunto dell’Erba – è necessario procedere speditamente in termini costruttivi e condivisi, con l’obiettivo di salvaguardare il ruolo del Credito Cooperativo per lo sviluppo economico e sociale dei territori”.

Roma, 8 gennaio 2015
Ufficio Stampa e Rapporti Istituzionali
Marco Reggio – cell. 338.31.03.933
Tel. 06.720.72.665/678 email: mreggio@federcasse.bcc.it Twitter : @FedercasseBCC Facebook : Ufficio Stampa Federcasse – BCC Credito Cooperativo

Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra