23/10/2013 News
Credito Cooperativo. 130 anni controcorrente.
A Padova Convegno nazionale per ricordare la prima Cassa Rurale italiana (Loreggia, 1883)
Credito Cooperativo. 130 anni controcorrente”. E’ questo il tema del Convegno organizzato dalla Federazione Veneta delle BCC in collaborazione con Federcasse (l’associazione nazionale delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali) in programma a Padova al Teatro Verdi venerdì 25 ottobre dalle ore 15. Al Convegno parteciperà il Ministro per lo Sviluppo Economico Flavio Zanonato.

Obiettivo principale del Convegno, ricordare la costituzione della prima Cassa Rurale italiana fondata a Loreggia, in provincia di Padova, nel 1883 su iniziativa dell’economista e filantropo Leone Wollemborg. Ma l’incontro di Padova vuole essere occasione, soprattutto, per riflettere sul valore e sull’esperienza delle banche cooperative mutualistiche, davvero “controcorrente”, oggi chiamate a sostenere grazie al loro riconosciuto ruolo anticiclico famiglie ed imprese nel perdurare di una drammatica crisi economica. Non a caso, le BCC hanno continuato ad attrarre fiducia anche in questo ultimo periodo, nel quale soci e clienti sono entrambi cresciuti del 3,5% su base d’anno. Le banche mutualistiche vogliono dunque presentarsi al Paese anche come “paradigma di sviluppo”, incarnando e sperimentando valori come la partecipazione, la democrazia e la solidarietà economica,  e considerando il profitto non come obiettivo fine a se stesso ma quale strumento per favorire la crescita delle comunità locali e il raggiungimento del bene comune.

L’incontro di Padova, che sarà introdotto dal Presidente della Federazione Veneta delle BCC Ilario Novella e che vedrà tra le autorità la partecipazione del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia e un messaggio video del Patriarca di Venezia mons. Francesco Moraglia, si articola in due sessioni. Alla prima, una tavola rotonda sul tema “Stimolare le energie morali assopite… “ (frase tratta dagli scritti di Wollemborg) e coordinata dal Direttore di Class Cnbc Andrea Cabrini, parteciperanno l’economista Luigino Bruni (docente all’Università Lumsa di Roma, tra i fondatori della Scuola di Economia Civile di Loppiano – Firenze), Stefano Micelli (docente all’Università Ca’ Foscari di Venezia) e Suor Alessandra Smerilli (docente all’Università Cattolica del Sacro Cuore ed alla Pontificia Università Auxilium di Roma).

La seconda sessione, dedicata all’approfondimento del ruolo attuale e delle funzioni proprie della cooperazione di credito nell’attuale contesto socio-economico, sarà aperta invece dallo storico dell’arte Philippe Daverio (“Essere veneti nella creatività”).

Seguiranno gli interventi del Presidente di Confcooperative Maurizio Gardini e del Ministro per lo Sviluppo Economico Flavio Zanonato. Di banche locali nella prospettiva europea parlerà il Direttore Centrale per la Vigilanza Bancaria e Finanziaria della Banca d’Italia, Carmelo Barbagallo.

Le conclusioni (“Un respiro di speranza. I primi 130 anni controcorrente”) saranno del Presidente di Federcasse, Alessandro Azzi.

Nel corso del Convegno saranno presentati e commentati i risultati del road show appena terminato “Viaggio nel Veneto che produce. E che prepara il futuro”, una serie di incontri nelle Province Venete con le imprese locali voluti dal sistema del Credito Cooperativo regionale, per ascoltare la viva voce del territorio e ragionare sul lavoro comune che è possibile compiere per uscire definitivamente dalla crisi.

Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra