18/11/2011 Comunicazione
I soci di Cassa Padana e Banca Veneta 1896 hanno dato l’ok alla fusione

Cassa Padana e Banca Veneta 1896 si sono dette sì. Domenica 6 novembre le assemblee delle due Banche di Credito Cooperativo, riunitesi nelle rispettive sedi (Legnago per la banca veronese e Leno per la bresciana) hanno dato l’ok alla fusione. Entrambe all’unanimità.

Con il disco verde l’istituto con sede a Leno diviene la seconda BCC d’Italia e la prima in Lombardia per numero di filiali. Ora Cassa Padana conta 61 sportelli sparsi in numerose province: da Brescia a Cremona, da Mantova a Ferrara.

Cassa Padana ha attualmente in corso un altro progetto di fusione, quello con la BCC della Valtrompia. Dopo l’ok dei due Consigli di amministrazione, l’iter procedurale prevede l’esame da parte della Banca d’Italia e la successiva valutazione delle assemblee dei soci che, con ogni probabilità, si riuniranno sul finire della primavera.

Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra