25/10/2011 Comunicazione
Fusione tra la CR BCC di Treviglio e la BCC di Offanengo

La fusione tra la Cassa Rurale BCC di Treviglio e la consorella Banca di Credito Cooperativo di Offanengo è stata approvata con un “sì” unanime da entrambe le parti. Non ci sono stati contrari e astenuti sia al Palafacchetti dove si sono ritrovati in assemblea 3.127 soci della Cassa Rurale di Treviglio (2.120 in proprio e 1.007 per delega), sia alla riunione dell’istituto cremonese, con la partecipazione di 330 soci (265 in proprio e 65 in delega), più di metà del totale.

Con il via libera dei soci è ormai cosa fatta la incorporazione nella Cassa Rurale di Treviglio della Offanengo: rimarranno nelle sue cinque filiali la vecchia insegna, con l’aggiunta dell’indicazione “filiale della Cassa Rurale di Treviglio”.

La fusione sarà perfezionata il primo giorno del mese successivo a quello in cui sarà siglato l’atto di fusione: i tempi tecnici dovrebbero consentirlo entro la seconda metà di novembre, con efficacia quindi dal primo dicembre. Con il perfezionamento entrerà in carica nel Cda della Treviglio anche il consigliere riservato alla Offanengo: l'assemblea del’istituto cremonese ha indicato Dario Gibellini, vice presidente della Pro loco di Offanengo, nato 35 anni fa proprio a Treviglio.

Nascerà così un istituto con 20 mila soci e 50 filiali e 345 dipendenti in cinque province (Lecco, Bergamo, Milano, Lodi e Cremona, dove peraltro la Treviglio era già presente con la filiale di Vailate) e, secondo l’aggregato al 30 giugno, impieghi per oltre 1,6 miliardi di euro, raccolta diretta per oltre 1,7 miliardi e raccolta indiretta per quasi mezzo miliardo.

www.cassaruraletreviglio.it

Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra