15/06/2011 Assemblee
Assemblea annuale della Federazione delle Cooperative Raiffeisen

“Dopo la crisi finanziaria, nel 2010 l’economia altoatesina si è gradualmente ripresa, ha affermato il presidente Heiner Nicolussi-Leck nel suo intervento all’assemblea della Federazione delle Cooperative Raiffeisen, tenutasi il 10 giugno a Bolzano. “Con 366 cooperative associate – ha sottolineato il presidente – rappresentiamo il 37% di tutto il settore”.

L’importanza della Federazione Raiffeisen sta nelle cifre illustrate dal direttore generale, Paul Gasser: 48 banche associate con 53.850 soci e 10,2 miliardi di euro di massa amministrata, 28 cooperative agricole (714 milioni di euro di ricavi), 15 cantine sociali (130 milioni di euro), 15 latterie sociali (246 milioni di euro), 12 cooperative di consumo, 15 di distribuzione idrica, 62 di produzione di energia, 18 per infanzia e cultura, 13 nel sociale, 71 di altri settori, 13 consorzi di cooperative, 26 cooperative senza obbligo di revisione. In totale, 366 cooperative, 119.563 soci con una crescita di ben 2.945 unità sul 2009. “Il mondo Raiffeisen – ha spiegato Gasser – porta un valore aggiunto di 500 milioni di euro, ovvero circa 2.500 euro di ricchezza per ogni famiglia altoatesina, 322 milioni di euro pagati in retribuzioni ai 7.104 dipendenti delle coop, attività consolidate per 14 miliardi di euro e un patrimonio consolidato di 2,5 miliardi di euro.

Il presidente e il direttore hanno passato in rassegna i bilanci 2010 di tutti i settori. Per quanto riguarda in particolare il credito, le 48 Casse Raiffeisen (195 sportelli), assieme alla Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige , hanno registrato un aumento del 2% per quanto riguarda la raccolta diretta e dell’8% per quanto riguarda gli impieghi. I depositi diretti da clientela si sono attestati a 8,9 miliardi di euro, i prestiti hanno raggiunto un volume di 8,7 miliardi di euro. L’utile è salito a 57,5 milioni di euro (+38% dopo il crollo a 29,5 milioni nel 2009).


Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra