21/02/2011 Economia e Finanza
Tavola rotonda del CC ravennate e imolese sulla finanza responsabile
“Finanza responsabile e scelte del risparmiatore” è stato il titolo della tavola rotonda promossa dal Credito Cooperativo ravennate e imolese.

Il risparmiatore ha a disposizione un mercato di prodotti finanziari “eticamente” responsabili? Come operano e quali prospettive offrono i fondi di investimento con profilo etico? Quali le possibilità di scelta consapevole per i risparmiatori?

Di tutto questo si è parlato nella tavola rotonda Finanza responsabile e scelte del risparmiatore, promossa dal Credito Cooperativo ravennate e imolese, svoltasi il 27 gennaio scorso. A confrontarsi Marco Liera, de Il Sole 24 Ore-Plus 24, Alessandra Viscovi, direttore generale di Etica Sgr, e Giuseppe Malinverni, direttore generale di Aureo Gestioni. Ha coordinato i lavori Edo Miserocchi, direttore generale del CC ravennate imolese.

“Abbiamo un vincolo di mandato nei confronti dei nostri soci e del nostro territorio – ha detto Miserocchi -; pertanto dobbiamo valutare la validità e la percorribilità di soluzioni di investimento socialmente responsabili”. Per Marco Liera “il risparmio deve essere gestito con prudenza e consapevolezza. Fare investimenti socialmente responsabili migliora la sostenibilità nel tempo della redditività stessa degli investimenti”.

Alessandra Viscovi ha spiegato come possa essere possibile gestire dei fondi che investono in Stati e aziende quotate, selezionate sulla base di criteri etici, di attenzione all’ambiente, ai diritti umani, alla governante e ai portatori di interesse, senza al contempo rinunciare al profitto.

Giuseppe Malinverni ha concluso ribadendo come sia “importante non solo la trasparenza e la consapevolezza in fase di scelta iniziale, ma anche il cosante monitoraggio dei comportamenti etici nel tempo”.

Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra