09/02/2011 Cooperazione
Accordo Federazione BCC Piemonte, Valle d’Aosta Liguria e Federlavoro
Nasce un accordo interno al mondo Confcooperative Piemonte per sostenere le imprese cooperative e l’occupazione nella regione. Previste linee di credito a condizioni di particolare favore.

Federlavoro Piemonte, che raggruppa le cooperative di produzione e lavoro e la Federazione delle Banche di Credito Cooperativo del Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria hanno siglato un protocollo d’intesa in cui si prevede che sei Banche di Credito Cooperativo potranno concedere alle associate a Federlavoro Piemonte linee di credito finalizzate al miglioramento e ampliamento dell’attività aziendale ed aprire rapporti di conto corrente ai soci delle cooperative stesse a condizioni di particolare favore.

Il presidente di Federlavoro Piemonte Pietro Di Ciancia ha dichiarato la propria soddisfazione per questa intesa, raggiunta dopo un attento monitoraggio delle esigenze delle oltre 300 cooperative aderenti, che contano circa 20 mila soci e un fatturato di oltre 700 milioni di euro.

“Puntiamo a rispondere alle esigenze delle nostre associate - ha affermato – in questo particolare momento di crisi, in cui comunque la cooperazione mostra una tenuta superiore rispetto alle altre imprese, non registrando flessioni sull’andamento occupazionale, non ricorrendo alla cassa integrazione se non in casi sporadici, e non delocalizzando mai. Sono cooperative che si occupano di logistica, costruzioni e terziario in generale, e che, se adeguatamente sostenute nella capitalizzazione, negli investimenti e nelle esigenze di liquidità, come i prodotti finanziari che abbiamo insieme concordato prevedono, possono risultare un volano ancora più interessante per lo sviluppo del nostro territorio”.

Felice Cerruti, presidente della Federazione delle BCC del Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria, ha commentato: “Come Banche di Credito Cooperativo del Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria crediamo alla forza del modello cooperativo che, sviluppatosi in risposta alle esigenze di alcuni settori tradizionali, è oggi un movimento potente, che produce ricchezza e lavoro, realizzando il proprio scopo mutualistico. In questa chiave, è stata per noi una scelta naturale quella di dare un sostegno alle cooperative aderenti a Federlavoro Piemonte, anche con lo sviluppo e l’ideazione di soluzioni finanziarie di particolare interesse. Noi stessi siamo società cooperative. Promuovere il finanziamento delle cooperative in questa particolare e delicata congiuntura economica significa sostenere e rafforzare nuovi progetti economici con un forte e positivo impatto sul territorio. Da ultimo, possiamo ricordare che le linee di intervento contemplate dall’accordo (per esigenze di liquidità, capitalizzazione, circolante, investimenti produttivi, certificazioni, formazione ecc.) caratterizzano tutta una serie di interventi che le BCC di Piemonte, Valle’d’Aosta e Liguria hanno reso disponibili sin da quando è scoppiata la crisi finanziaria internazionale".

Il presidente di Confcooperative Piemonte Giovenale Gerbaudo, 1.200 cooperative nella regione, ha espresso la propria soddisfazione per questo accordo, in particolare rilevando che l’attenzione è riservata alle cooperative ma anche ai soci delle stesse: “Il movimento cooperativo trova nella figura del socio il fulcro della sua azione” ha dichiarato. Sostenendo il socio operiamo nell’interesse della collettività tutta, e in particolare favoriamo il rilancio dell’occupazione e del lavoro nella nostra regione. Il credito cooperativo è assolutamente strategico per lo sviluppo dell’economia locale, e lo sta dimostrando nei fatti. Allo stesso modo le cooperative di Federlavoro mostrano una capacità imprenditoriale che è il miglior biglietto da visita per il loro costante impegno”.

Le linee di credito previste nel protocollo potranno essere concesse da: CRA di Boves, BCC di Casalgrasso e Sant’Albano Stura, BCC di Cherasco, Banca Alpi Marittime - CC di Carrù, BCC di Alba, Langhe e Roero, Bene BCC di Bene Vagienna, Banca di Caraglio, del Cuneese e della Riviera dei Fiori.

Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra