29/03/2009 Iniziative
Emil Banca per il microcredito di emergenza
Dalla collaborazione di tre realtà diverse come l’Asp Poveri Vergognosi, micro.Bo ed Emil Banca è nato un progetto che mira a garantire alle famiglie bolognesi in temporanea difficoltà economica, oggi escluse dal tradizionale sistema bancario, un piccolo aiuto per superareil momento di crisi. Aiuto sia economico, sotto forma di un microcredito fino ad un massimo di 3 mila euro, sia educativo, grazie ai collaboratori di micro.Bo che affiancheranno le famiglie aiutandole nella pianificazione del loro bilancio.
L’iniziativa funzionerà così: i servizi sociali del Comune di Bologna e la rete degli enti assistenziali raccoglieranno direttamente le esigenze di piccoli crediti per situazioni emergenziali. L’Asp Poveri Vergognosi, oltre a concorrere finanziariamente alla copertura dei costi del progetto e a coordinare l’attività dei servizi sociali, effettuerà una prima valutazione di idoneità dei soggetti; il personale di micro.Bo incontrerà le persone che potrebbero usufruire del credito d’emergenza, fornendo loro tutte le informazioni sul sistema e valuterà se la situazione rientra nei casi finanziabili. Infine, un Comitato di Credito deciderà se erogare i piccoli prestiti (3 mila euro) alle persone che hanno i requisiti necessari. Le restituzioni seguono un piano di ammortamento con durata massima di 48 mesi e il tasso di interesse applicato è fisso e pari al 3,25%.
I piccoli prestiti possono essere erogati a persone escluse dai normali canali del credito, residenti da almeno un anno nel Comune di Bologna. È richiesto un reddito, personale o famigliare, ma non un contratto di lavoro a tempo indeterminato. È però necessario che l’emergenza che le persone si trovano a dover superare sia temporanea e non strutturale.
Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra