18/03/2009 Rapporti internazionali
BCC Pordenonese e Banca Agrileasing per il Progetto Mediterraneo
Il 5 marzo scorso, presso la CCIAA di Pordenone, si è svolto il convegno “Progetto Mediterraneo” promosso dalla BCC Pordenonese in collaborazione con Banca Agrileasing, CCIAA Pordenone e l’Ordine dei Dottori Commercialisti, per dare una risposta concreta alle Pmi che, nel difficile momento attuale, sentono più urgente la necessità di valutare percorsi di sviluppo e di investimento oltre confine.
Con l’avvio del Progetto UPM - Unione per il Mediterraneo - la Tunisia, primo paese dell’area Med in libero scambio con l’Unione europea, diventa un mercato a forte attrattività per gli investitori esteri poiché riconosce considerevoli vantaggi fiscali, quali esenzioni ed incentivi, oltre ai benefici derivanti dal basso costo del lavoro e dell’energia.
Al convegno sono intervenuti il capo progetto per Banca Agrileasing Mariella Liverani, Hechmi Chatman, delegato generale Fipa Tunisia in Italia, e Stefano Zoletto, partner Mediterraneum Consulting, che hanno illustrato le opportunità offerte dalla Tunisia che - grazie anche alla posizione logistica che la rende ponte per l’Europa verso tutta l’Africa - punta sugli investimenti esteri per lo sviluppo della propria economia.
È intervenuto anche Gianmarco Zanchetta, presidente di BCC Private Equity, che ha illustrato il Sistema di offerta del Gruppo Bancario Iccrea sottolineandone l’incremento di quote di mercato. Il direttore generale della BCC Pordenonese, Gianfranco Pilosio, ha offerto, infine, la disponibilità della banca ad organizzare una missione imprenditoriale in Tunisia, coadiuvata ovviamente da Banca Agrileasing, volta ad accompagnare le Pmi interessate all’internazionalizzazione all’XI Forum di Cartagine sull’investimento.
Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra