04/03/2009 Iniziative
Le BCC della provincia di Pistoia per il microcredito

È nato a Pistoia, primo caso in Toscana e forse in Italia per numero di enti coinvolti, il sistema provinciale per il microcredito, con l’obiettivo di aiutare persone in difficoltà a causa della crisi economica o che hanno perso il posto di lavoro e associazioni che si occupano del sociale.

Il protocollo d’intesa è stato firmato da sette banche del territorio pistoiese, tra cui sei BCC (Banca di Pistoia, Banca di Pescia, Banca di Vignole, Banca di Masiano, Banca della Valdinievole, Banca della Montagna P.se), Misericordia di Pistoia, Fondazione Un Raggio di Luce Onlus, le Caritas di Pistoia e di Pescia e la Fondazione Cassa di risparmio di Pistoia e Pescia.

L’accordo, operativo dallo scorso 1° marzo, prevede l’erogazione di piccoli prestiti a persone fisiche, cooperative sociali, associazioni di volontariato e imprese a conduzione femminile, a condizioni particolarmente vantaggiose. L’obiettivo è quello di intervenire in situazioni di bisogno nei confronti di quei soggetti appartenenti alla cosiddetta “fascia grigia” a cui non è possibile sopperire mediante interventi meramente assistenziali, né attraverso concessione standard di credito da parte del sistema bancario.

I motivi di accesso al microcredito dovranno essere rispondenti a necessità primarie come salute, educazione, formazione, assistenza ad anziani, spese per casa o l’auto. Gli importi massimi concedibili sono di 7 mila euro per le persone fisiche e di 15 mila euro per le cooperative sociali, le associazioni di volontariato e imprenditoria femminile, per una durata massima del rimborso di 60 mesi.
Le richieste di microcredito sono raccolte dagli sportelli d’ascolto della Misericordia e della Caritas.

Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra