24/07/2008 Iniziative
Sottoscritta l'intesa tra Fedart Fidi e Iside Spa

Fedart Fidi (l’Associazione Nazionale dei Consorzi e delle Cooperative artigiane di garanzia, al quale fanno capo oltre 300 Consorzi Fidi di CNA, Confartigianato e Casartigiani) e Iside Spa (società di informatica del Credito Cooperativo nata per iniziativa della Federazione Lombarda, della Federazione Toscana e della Banca di Credito Cooperativo di Roma) hanno firmato, il 22 luglio scorso, un accordo in base al quale Iside curerà – nell’ambito del progetto di riposizionamento strategico dei Confidi di Fedart Fidi - la messa a disposizione di un nuovo prodotto dedicato ai Confidi interessati e denominato Parsifal.

Grazie a Parsifal Confidi verrà facilitata la condivisione delle informazioni (tra BCC e Confidi) nella fase di pre-istruttoria delle pratiche finalizzata alla concessione/affidamento della garanzia, per migliorare la misurazione del rischio, i tempi di processo e di attesa dell’impresa e i relativi costi. Ma anche la condivisione delle informazioni quali: i piani di ammortamento, eventuali morosità, la gestione commissionale nonché la reportistica e la rendicontazione.

Obiettivo di fondo è la realizzazione di un sistema informatico integrato supportato anche da una serie di servizi a valore aggiunto nell’ambito delle attività di back office bancario, nell’archiviazione ottica e nella automazione dei processi e dei documenti interni a vantaggio dei Confidi.

Il sistema informatico, infatti, permette ai Confidi di adempiere ai diversi obblighi normativi, grazie a strutture e procedure di controllo interno e di processo, che permettano “controlli di linea” e “controlli sui rischi”: definendo metodologie di misurazione del rischio; verificando il rispetto dei limiti assegnati alle varie funzioni; mantenendo coerenza tra unità produttiva ed il rischio/rendimento assegnato.

L’intesa è una delle prime conseguenze operative dell’accordo sottoscritto nel luglio del 2006 tra Federcasse e Fedart Fidi, finalizzata ad agevolare ulteriormente l’accesso al credito delle imprese artigiane ed a sviluppare una sempre maggiore sinergia operativa tra le BCC (i cui impieghi a favore delle imprese artigiane rappresenta oltre il 20% del totale) ed i Confidi artigiani.

Alla firma dell’accordo erano presenti: il direttore generale di Federcasse, Franco Caleffi (che ha ricordato come per il Credito Cooperativo le imprese artigiane siano da sempre un interlocutore privilegiato: l’artigianato rappresenta, infatti, con oltre 11 miliardi di euro di affidamenti, circa l’11% del portafoglio crediti delle BCC); il presidente di Fedart Fidi, Daniele Alberani (che ha ricordato come questa intesa sia un vero e proprio “progetto di sistema” per le imprese artigiane); il presidente di Iside, Francesco Liberati (per il quale l’intesa ha l’obiettivo di “costruire qualità” tra BCC e Confidi); il segretario generale di Confartigianato, Cesare Fumagalli (che ha sottolineato come l’accordo rappresenti un punto di forza per il futuro delle imprese artigiane e sollecitato una rivisitazione della riforma dei Confidi); il segretario generale di CNA, Sergio Silvestrini (per il quale l’accordo ha anche una valenza politica, in quanto segno di sintonia tra tutte le confederazioni del mondo artigiano); il vice segretario generale di Casartigiani, Leopoldo Facciotti (per il quale grazie all’intesa si velocizzeranno i tempi per la concessione dei finanziamenti). Sono intervenuti anche i coordinatori di Fedart Fidi, Luciano Consolati e Leonardo Nafissi.

Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra