21/11/2007
Federazione delle BCC marchigiane contro l'usura
Le Banche di Credito Cooperativo marchigiane scendono in campo, a fianco della Fondazione Monsignor Traini, nella lotta all'usura. L’accordo tra la Federazione Marchigiana Banche di Credito Cooperativo e la onlus di San Benedetto del Tronto è stato sottoscritto il 22 ottobre scorso e dà seguito al protocollo di intesa siglato lo scorso anno tra Federcasse e la Consulta nazionale Antiusura. La convenzione stabilisce che la Fondazione sambenedettese costituisca presso la Banca Picena Truentina Credito Cooperativo un deposito quale Fondo di Garanzia per i finanziamenti erogati dalle BCC che aderiscono all'accordo. A beneficiare delle garanzie saranno tutte le persone fisiche, lavoratori dipendenti e piccoli imprenditori economici, ai quali sarebbe altrimenti precluso il credito bancario, secondo i comuni criteri di valutazione del merito.
Per quanto riguarda le condizioni economiche dei finanziamenti, verranno erogati mutui chirografari per un massimo di 30 mila euro (per casi particolari opportunamente giustificati dalla Fondazione e previo accordo della BCC, il limite massimo potrà essere elevato ad un importo superiore), con tempi di rimborso fino a 60 mesi, una rateizzazione mensile, un tasso variabile nel limite massimo del tasso di riferimento Bce +1,00% e senza spese d'istruttoria (unitamente a condizioni economiche vantaggiose anche per i conti correnti).
Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra