27/09/2005 Comunicazione
Firmato il rinnovo contrattuale per i 28 mila dipendenti delle 443 BCC e CR

Il rinnovo rivolge particolare attenzione alle specificità delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali nell´individuare idonee soluzioni per l´applicazione della normativa di riforma del mercato del lavoro, per la categoria dei Quadri Direttivi, per la formazione del personale, per le modalità di gestione dell´orario di lavoro.

Nella parte economica, il nuovo contratto collettivo, confermando una sostanziale omogeneità con il resto dell´industria bancaria, incrementa le quote di contribuzione alle forme integrative di previdenza e di assistenza sanitaria. Per quest´ultima è prevista l´innovazione di una quota percentuale a carico del lavoratore.

Complessivamente, il rinnovo contrattuale comporta un incremento a regime del 6,50%, di cui una parte dovuta agli incrementi delle voci tabellari, un´altra alla riparametrazione nazionale ed un´ultima parte all´aumento delle contribuzioni sopra indicate.

Soddisfazione per il risultato raggiunto è stata espressa dal Presidente di Federcasse Alessandro Azzi. “Questo rinnovo – ha detto Azzi – si colloca nella linea di valorizzazione del personale e delle relazioni sindacali propria della cooperazione di credito”. “Sono questi – ha detto ancora Azzi - elementi fondanti della attenzione ai temi della responsabilità sociale che consentono alle Banche di Credito Cooperativo di confermarsi banche locali per eccellenza, attente alla relazione con soci e clienti, sensibili ai bisogni delle famiglie e di intere comunità”.
--
Al 31.5.2005 operavano in Italia 443 Bcc e Casse Rurali con 3.500 sportelli (l´11,2% degli sportelli bancari italiani). Raccolta diretta: 97,9 miliardi di euro (+10,1%); impieghi: 78,8 miliardi di euro (+12,8%). Patrimonio: 13 miliardi di euro (+6,9%). Il Credito Cooperativo è la prima realtà bancaria in Italia per numero di sportelli; la terza per patrimonio, la quarta per raccolta diretta, la sesta per impieghi. Gli impieghi erogati dalle BCC italiane rappresentano il 20,3% del totale dei crediti alle imprese artigiane); il 14,7% del totale dei crediti alle “altre imprese minori”; il 15,5% del totale dei crediti alle Famiglie produttrici (l´8,9% alle famiglie consumatrici); il 10,7% del totale dei crediti alle Istituzioni senza scopo di lucro (Terzo Settore).
Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra