21/03/2005 Comunicazione
Tsunami: il Credito Cooperativo “adotta” una intera comunità di pescatori nello Sri Lanka

In riferimento all´operazione “Emergenza Maremoto in Asia”, avviata dal Credito Cooperativo in collaborazione con Caritas Italiana, si informa che – di concerto con Caritas – è stato individuato il Progetto che sarà sostenuto con i fondi raccolti dal sistema delle Banche di Credito Cooperativo, che alla data del 15 marzo hanno raggiunto la cifra di 450 mila euro e continua a mantenere un costante trend di crescita.

Il Progetto prevede, in particolare, l´ “adozione” di una comunità di pescatori nel distretto di Chilaw, nel sud ovest dello Sri Lanka. Nella estrema periferia di questa cittadina il maremoto ha travolto in pieno le baracche che sorgevano a poche decine di metri dalla costa. Le vittime, in termini di morti, fortunatamente non sono state moltissime, mentre i danni sono totali. Esistono diverse centinaia di sfollati che si trovano adesso nella necessità di ricominciare da capo.

L´idea di progetto individuato dalla Caritas (che agirà in collaborazione con le Diocesi locali) prevede un sostegno integrato con un piano di ricostruzione e riadattamento delle case distrutte o danneggiate, di costruzione di asili, centri giovanili e, naturalmente, di ripresa delle attività economiche.

Questa tragedia, informa la Caritas, si presenta anche come un´occasione per accompagnare gli abitanti di questi distretti verso uno sviluppo duraturo delle loro condizioni di vita e lavoro, che erano già molto difficili prima del maremoto.

In questo, giocherà un ruolo fondamentale la capacità di creare nuove attività economiche, che siano in grado di dare un lavoro a chi lo ha perduto ed anche a chi non lo ha mai avuto. Saranno implementati programmi di microcredito in favore dei pescatori e dell´indotto della pesca (piccoli commercianti, piccole aziende di conservazione) ma anche per orientare verso ulteriori strade da percorrere, per non relegare un´intera comunità ad un solo settore (ci sono ipotesi di uno sviluppo turistico dalle moltissime potenzialità, come anche attività artigianali o commerciali). In tutto ciò sarà importante il sostegno, anche consulenziale, del Credito Cooperativo.

Tutto il programma sarà seguito in maniera diretta da un operatore della Caritas che si stabilirà proprio a Chilaw, in coordinamento con il governo locale e con Caritas Sri Lanka, che ha segnalato questa situazione di bisogno.

E´ utile infine, proprio per il livello e l´ampiezza del progetto (i cui tempi di realizzazione saranno almeno biennali) mantenere elevata l´attenzione sul programma di “raccolta fondi” attraverso l´utilizzo del conto corrente aperto presso Iccrea Banca n. 30001 intestato a “CARITAS ITALIANA”
con la causale “Maremoto in Asia” (ABI 8000 CAB 03200 CIN “N”)

oppure attraverso il NUMERO VERDE 800 – 145145 riservato ai possessori di Carta di Credito Cooperativo.
Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra