14/10/2004 Eventi
Il Credito Cooperativo alle Settimane sociali

“Sono convinto che esiste una finanza democratica e che consiste “nel fare banca e fare finanza con una formula che affonda le radici in una tradizione filosofica e dottrinale come quella del Magistero sociale”. Così ha affermato il presidente di Federcasse, Alessandro Azzi, intervenendo alla 44a Settimana sociale dei cattolici italiani, svoltasi a Bologna dal 7 al 10 ottobre.

“Fare una finanza democratica - ha continuato Azzi - vuol dire poter disporre di una identità forte e robusta, essere ancorati ad una missione e resi liberi dai pensieri unici che tempo per tempo avanzano. Vuol dire contribuire a decentrare le opportunità, valorizzare la ricchezza laddove viene generata, lasciare alle persone spazi di determinazione in un settore complesso come quello della gestione del denaro. Fare finanza democratica vuol dire stare nel mercato senza essere totalmente del mercato”.

Il presidente di Federcasse ha partecipato ad una tavola rotonda – moderata dal preside della facoltà di Scienze politiche della Cattolica di Milano, Alberto Quadrio Curzio – nell´ambito della sessione dedicata ai rapporti tra la democrazia e le questioni legate all´economia, al mercato, alla finanza, al lavoro e alle relazioni internazionali.

Accanto al presidente Azzi, Pier Paolo Baretta, segretario confederale della Cisl, Angelo Ferro, presidente dell´Ucid, Giuseppe Guzzetti, presidente dell´Acri e Fabrizio Palenzona, vice presidente di Unicredit.

Laboratorio del cattolicesimo democratico da quasi cento anni, la Settimana sociale dei cattolici italiani, che ha raccolto nella città felsinea oltre un migliaio di partecipanti, si è aperta con il messaggio del Papa. Quello di Giovanni Paolo II è stato un preciso invito ai cattolici italiani a riscoprire “l´importanza dell´impegno nei ruoli pubblici e istituzionali” e la necessità di partecipare “alla vita politica del Paese, secondo i metodi e gli strumenti del sistema democratico”.

Il messaggio del Pontefice ha contribuito a dare un tono di maggiore concretezza a questa 44.ma edizione delle Settimane sociali, incentrata sull´impegnativo tema “La democrazia: nuovi scenari, nuovi poteri”. “La democrazia – si legge nel documento preparatorio – sta attraversando nel nostro Paese (e non solo nel nostro) una situazione paradossale”. Una democrazia senza alternative e della quale tutti sono convinti ma il cui cammino è reso “più difficile” dalle “rapide e profonde trasformazioni sociali”.
Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra