11/05/2004 Eventi
Assegnato al Credito Cooperativo il “Premio Takunda. Vincere con la solidarietà”

Il Credito Cooperativo ha vinto la sezione ¨Azienda sostenitrice¨ del ¨Premio Takunda¨ con il progetto ¨Microfinanza Campesina in Ecuador¨, per la capacità di conciliare l´imprenditorialità con l´attenzione alle persone.
Takunda in lingua locale significa “Abbiamo vinto”, ed è il nome di un bimbo dello Zimbabwe diventato il simbolo di un traguardo importante nella lotta intrapresa contro l´Aids in Africa. Takunda è infatti il primo bambino dello Zimbabwe nato sano da madre sieropositiva trattata con la Nevirapina nell´ambito di un progetto Cesvi. La Nevirapina è un farmaco antiretrovirale che limita le possibilità di trasmissione verticale dell´HIV. Takunda oggi è sano e il 9 maggio ha compiuto 3 anni.

Per festeggiare questa data il Cesvi, in collaborazione con la Provincia di Bergamo, ha istituito il “Premio Takunda. Vincere con la Solidarietà”. Il suo intento è valorizzare quella solidarietà internazionale che crea l´autosviluppo attraverso il protagonismo delle popolazioni beneficiarie: un riconoscimento a quanti - personaggi pubblici, aziende, istituti di credito, associazioni - hanno dimostrato con iniziative concrete la capacità di costruire progetti di solidarietà internazionale.

Cinque le sezioni del premio: “Progetto umanitario”, “Protagonista sul campo”, “Testimonial”, “Comunicazione in Italia” e “Azienda sostenitrice”.

Il Credito Cooperativo si è aggiudicato il premio “Azienda sostenitrice” con il progetto ¨Microfinanza Campesina in Ecuador¨, il sistema finanziario etico alternativo che in Ecuador ha finanziato oltre 60 mila famiglie di campesinos. A ritirare il premio il presidente di Federcasse, Alessandro Azzi.

Gli altri vincitori sono stati: per la sezione “Progetto umanitario”, la campagna “Stop violence against women” realizzata da Amnesty International; per la sezione “Protagostista sul campo”, padre Coldoveo Piazza, per il suo impegno in aiuto dei ragazzi di strada di Salvador de Bahia; per la sezione “Testimonial” il riconoscimento è andato all´attrice Claudia Koll, per l´impegno a favore dell´organizzazione italiana Vis, mentre per la sezione “Comunicazione in Italia” il premio è stato assegnato alla campagna “Italia-Africa 2004”. Infine il “Premio speciale Bergamo per il mondo” è andato alla Associazione Nazionale Alpini sezione di Bergamo.

I vincitori sono stati scelti da un comitato di selezione e una giuria d´onore composta da personalità del mondo dello spettacolo, dell´economia, della cultura e dello sport, tra cui Lella Costa, Ettore Mo, Gianni Riotta, don Gino Rigoldi e Marina Salamon.

I premi sono stati assegnati lo scorso 10 maggio nel corso di una grande festa che si è tenuta al Teatro Donizetti di Bergamo, alla presenza anche del piccolo Takunda e della mamma Safina, accolti da un caldo applauso. La manifestazione, condotta dalla giornalista Francesca Senette, ha visto la presenza di numerosi protagonisti dello spettacolo: da Dario Ballantini a Lella Costa, dal Trio Medusa a gruppi di ballerini e musicisti africani.

Un Premio speciale “Menzione d´Onore” infine è stato attribuito a Pierantonio Costa, console italiano in Ruanda che nel 1994 salvò dal genocidio oltre cinquecento ruandesi e un centinaio di occidentali.


Il Progetto “Microfinanza e banche cooperative in Ecuador”
Federcasse, a nome delle Banche di Credito Cooperativo italiane, è capofila della partnership con Codesarrollo, una giovane realtà bancaria che sta promovendo la costituzione di un sistema finanziario etico alternativo in Ecuador.
Nel progetto, si offrono assistenza tecnica e finanziamenti per lo sviluppo della cooperazione di credito nel paese sudamericano promuovendo, attraverso la formula del microcredito, lo sviluppo delle popolazioni locali, soprattutto i più poveri, gli indios e i campesinos.

Codesarrollo è un sistema che poggia su centinaia di casse rurali, formali e non, che nelle comunità erogano credito di piccolissima e media entità, soprattutto in forma comunitaria attraverso “circoli di credito”. L´obiettivo: trattenere in loco la ricchezza prodotta, realizzando un´economia circolare che crei sviluppo nelle campagne e nelle aree marginali della città e offra un´alternativa - l´unica - ai chulqueros, gli usurai.
Per saperne di più visita il sito .
Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra