28/10/2003 Iniziative
BCC Sant´Elena: diffondere a scuola la cultura della tolleranza e dell´ospitalità

E´ un impegno prioritario al quale non è possibile sottrarsi. Un fatto di coerenza e fedeltà alle origini, alla volontà dei “padri fondatori”. Quello che è oggi la Banca di Credito Cooperativo di Sant´Elena , infatti, è nato molti decenni or sono per aiutare e sostenere, in un ambito molto delicato come quello finanziario, categorie di lavoratori e famiglie che al tempo vivevano in condizioni particolarmente difficili.
Da allora molte cose sono cambiate: artigiani e contadini si sono evoluti, interpretando a pieno titolo un ruolo significativo nel modello Nord Est.

Quello che non è cambiato, però, è il forte radicamento territoriale della Banca, il suo essere una realtà profondamente inserita nella comunità in cui è nata e si è sviluppata. Questa caratteristica originaria determina ancor oggi scelte e percorsi, che devono necessariamente abbracciare tutta la società. L´area propriamente bancaria non è infatti l´unico interesse della cooperativa, che si dimostra invece sensibile anche a problemi e persone che solo marginalmente interagiscono con attività propriamente finanziarie.

In questo ambito anche il problema dell´immigrazione assume una luce nuova. Si tratta di accettare che la globalizzazione dei mercati e del lavoro significhi necessariamente aprire le frontiere, accogliere il diverso, diffondere la cultura della tolleranza e dell´ospitalità. D´altra parte, nel Veneto il numero dei provenienti da località straniere è tra i più alti d´Italia, nelle scuole gli alunni stranieri sono ormai quasi il 10%, una quantità destinata a crescere, mettendo a prova le capacità dei docenti e più in generale invitando alla verifica programmi e percorsi formativi.

Ecco dunque spiegato il motivo del sostegno dato dalla BCC di San´Elena ai progetti educativi e di mediazione culturale di Pianeta Bimbo, un´associazione che si pone come obiettivo sia quello di aiutare i ragazzi a capire l´altro sia quello di aiutare l´altro ad inserirsi in modo pieno nella realtà sociale e scolastica.

Si tratta quindi di un´attenzione, per molti aspetti, “di frontiera”, una nuova sfida a cui anche il Credito Cooperativo è chiamato a partecipare, con lo spirito e le risorse accumulate in lunghi anni di storia.
Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra