18/09/2003 Iniziative
Emergenza alluvione Friuli: prestiti a interesse zero dalle BCC a cittadini e imprese colpiti

La sera del 29 agosto, le piogge torrenziali in Valcanale hanno causato la rottura degli argini del fiume che passa per Ugovizza e Malborghetto, devastando i due paesi, causando due vittime e danneggiando 400 case, alcune in modo irreparabile. Centinaia di persone hanno dovuto lasciare quello che rimaneva delle loro abitazioni, trovando rifugio nella caserma che ha ospitato solo qualche mese fa gli studenti di tutto il mondo per le Universiadi.

Questa tranquilla valle al confine con la Slovenia e l´Austria, che da secoli ospita una popolazione mistilingue (italiana, slovena e tedesca), si
è di colpo trasformata in un enorme cantiere, desiderosa di completare la ricostruzione nel piu´ breve tempo possibile.

Sono infatti numerose le attività artigianali, cooperative, commerciali, turistiche e produttive che hanno subito ingenti danni, e altrettanto numerose quelle che, pur non essendo state colpite direttamente, risentiranno però degli effetti negativi derivanti dall´interruzione della viabilità. A queste vanno ad aggiungersi le famiglie alle prese con i danni alle abitazioni.

¨A tutte queste realtà abbiamo pensato - commenta Italo Del Negro, presidente della Federazione delle Banche di Credito Cooperativo del Friuli-Venezia Giulia - e a loro abbiamo voluto dare una dimostrazione tangibile che i principi e i valori della cooperazione, ai quali ci riferiamo, non sono una semplice enunciazione ma peculiarità forti di tutto il nostro sistema, condivise e aggreganti.
Non per niente infatti, l´adesione di tutte le BCC del Friuli-Venezia Giulia è stata immediata, a dimostrazione che la nostra è una rete fortemente solidaristica¨.

I finanziamenti, della durata massima di 12 mesi, saranno erogati dalla CrediFriuli, la Banca di Credito Cooperativo che ha sue filiali a Tarvisio, Camporosso, Chiusaforte e Resia e serviranno agli abitanti delle zone colpite per fronteggiare le esigenze più urgenti, in attesa che la Regione metta a punto i provvedimenti legislativi necessari per gli interventi di sostegno.

A queste si aggiungono le numerose iniziative di solidarietà proposte da associazioni di volontariato, associazioni di categoria (come la Confcooperative della provincia di Udine), dai quotidiani locali (come il ¨Messaggero Veneto¨, e il ¨Il Gazzettino¨), e dal Centro Culturale Sloveno Stella Alpina (SKS Planika) di Ugovizza, dal cui sito è gestita l´informazione sugli aiuti e sui fabbisogni della popolazione colpita.


foto by Kroma
Extranet del Credito Cooperativo
entra
Area riservata ai sindaci delle BCC-CR
entra